Auguri di Buon Natale a 8bit...

  • Stampa
(6 - voto utenti)


...da tutto lo Staff di Glesius Project S.r.l.

 

Santa Claus

C’è chi nella vita colleziona tappi, chi non può vivere senza gli autografi di tutte le star dei suoi film preferiti e poi c’è James Houston, uno che ama far cantare i computer e altri oggetti tecnologici del passato.

 

Già nel 2008 aveva eseguito un remix di Nude dei Radiohead utilizzano delle stampanti, uno Spectrum e un hard disk, ma quest’anno ha deciso di superarsi, creando per la Glasgow School of Art una riedizione di un classico natalizio: il Carol of the Bells.

Stavolta i componenti dell’orchestra sono un coro di vecchi Mac, un Commodore 64, uno ZX Spectrum+1 e un Sega Mega Drive.


Anche il testo, che trovate qua sotto, si è ovviamente dovuto adattare all’occasione, e invece di raccontare il dolce suono delle campane di Natale, ci ricorda che i vecchi pezzi di hardware che teniamo in cantina sono ancora in grado di darci delle emozioni che il vostro supertelefono si può scordare.


Hail the machines

Sweet old machines
Blow off the dust
wipe off the rust

Christmas has come
Joy is foretold
For those of us
You never sold

Still we are here
Still full of cheer
Just plug us in
It will begin

Hey friend, fear not
Blow in the slot
Solder re-glue
We will come through

Bleep Bloop Beep Bong
hear our sweet song
If none of our
coding is wrong

By the way we remind you that you could
Play with us every day of the year
Just ignore that our casing is all mucky
We’ll still load for you if we are lucky

Friends us and you
Friends we are true
We have nothing
Better to do

But on this day
If you can play
Things from back when…
You’re young again

Phone in your hand
Best in the land
Can’t take you back
To wonderland

But we can bring
Back everything
Just reminisce
Digital bliss

By the way we remind you that you could
Play with us every day of the year
A computer’s not only just for Christmas
Sometimes it’s like you don’t even miss us

Safe to shut down
We mustn’t frown
Our song is done
Loft here we come

Beep beep beep.
Like and retweet.

Fonte: Wired