Company Logo

Italian English French German

Login

Assistenza Online

Rischio dipendenza Internet: facciamo il Test

(4 - voto utenti)

 

Dipendenza da internet

 

Fai il Test Online!

La maggioranza degli utenti tablet è a rischio dipendenza da Internet. La conferma giunge da un recente studio effettuato dall'ESC Team di Milano, un gruppo multidisciplinare ultraspecialistico di diagnosi e cura del cosiddetto Internet Addiction Disorder. In pratica a un campione di 1060 persone, intercettate in 10 negozi di elettronica di Milano e provincia i primi 2 giorni dall'uscita sul mercato del Nuovo iPad, è stato somministrato il questionario internazionale C.A.G.E per l'alcolismo (J.A.Ewing, 1984) - ovviamente modificato per la specifica ricerca. "Si è indagata inoltre l'area principale di utilizzo di Internet (studio, lavoro, tempo libero) e il tempo medio giornaliero di connessione alla rete", hanno sottolineato gli specialisti.
Ebbene, il 53% degli intervistati pare essere potenzialmente a rischio, con un tempo di connessione maggiore o uguale a 5 ore al giorno. La categoria a maggiore rischio é "il sottogruppo di utilizzo per motivi di tempo libero nel quale il 40% sta connesso per 5 o più ore al giorno". Inoltre, in questo ultimo gruppo il 72% ha dato risposte negative al test C.A.G.E. mostrando di non essere in alcun modo preoccupato e di non giudicare negativamente il proprio comportamento.

Leggi tutto: Rischio dipendenza Internet: facciamo...

Internet Explorer 10, come sarà...

(1 - voto utenti)

 

 

Il prossimo browser di Microsoft sarà ottimizzato per il touch. Ma Redmond pensa pure a velocità e sicurezza. Per tentare di tenere il passo della concorrenza.

Disponibile in versione preliminare assieme alla Consumer Preview di Windows 8, Internet Explorer 10 è il browser a cui Microsoft affida le speranze di rivalsa su un concorrenza sempre più agguerrita e variegata. Il prossimo IE sarà ottimizzato per il touch, certo, ma conterrà anche nuove misure di sicurezza per cercare di bloccare la proliferazione di malware a mezzo browser.

Microsoft spiega le nuove funzionalità di IE10 (versione Metro) evidenziando prima di tutto il lavoro compiuto per ottimizzare il browser per l'utilizzo su schermi multi-touch: su dispositivi sensibili al tocco IE10 presenterà la barra di navigazione in basso piuttosto che in alto, mentre per navigare avanti e indietro nella cronologia di navigazione basterà un tocco a destra o a sinistra dello schermo.

Tutti i comandi e i controlli del browser trarranno vantaggio dagli schermi touch, promette Microsoft, e il browser stesso sarà veloce e reattivo come si aspettano gli utenti di gadget mobile. Altre importanti novità di IE10 riguardano il settore sicurezza e la protezione dal codice malevolo.

Leggi tutto: Internet Explorer 10, come sarà...

iPad 3, il nuovo iPad

(2 - voto utenti)

 

 

 

Apple a San Francisco mostra il suo nuovo tablet. Che, per una volta, non smentisce nessuna delle previsioni della vigilia. C'è spazio anche per una rinnovata Apple TV

CPU più veloce, schermo Retina, LTE: il nuovo iPad, Apple lo chiama così senza aggiungere un 3 per confondere le idee ai clienti dopo aver chiamato il precedente "iPad 2", fa tutto quello che ci si aspettava da lui alla vigilia. Nonostante la consueta cortina di riservatezza, insomma, questa volta i rumor ci avevano preso appieno.

Che cos'è iPad 3: è lo stesso tablet visto da due anni a questa parte nella forma, ovvero uno schermo 4:3 da 9,7 pollici di diagonale, con un guscio di alluminio. La differenza la fa tutta lo schermo, comunque: ora è da 3,1 megapixel con una densità pari a 264 punti per pollice, quanto basta a Tim Cook per proclamare dal palco che si tratta di un display Retina con un miglioramento anche nella capacità di restituire colori più vividi (per fare un raffronto, comunque, iPhone 4 e 4S arrivano a 326ppi, ovvero sopra la soglia di 300 che è genericamente ritenuta lo spartiacque significativo). Per riuscire nell'impresa di far stare 2048x1536 pixel in così poco spazio (è una risoluzione superiore a quella dei televisori fullHD in commercio, che di solito hanno diagonali dai 20 pollici fino a 60), Apple ha deciso di montare un display con la circuiteria che trasporta i segnali sotto la matrice dei pixel: il risultato, non trascurabile, è che il prezzo da pagare per delle immagini super-definite è uno spessore complessivo della tavoletta che aumenta da 8,8 a 9,4 millimetri. Facile immaginare che il marketing della concorrenza si scatenerà su questo neo.

Leggi tutto: iPad 3, il nuovo iPad

Privacy Google 2012: nuove regole da oggi. Cosa Cambia?

(1 - voto utenti)

 

Google Privacy

 

Nuove norme di Google sulla privacy. E’ polemica

Novità al via su Google, dalle nuove regole per la privacy all’integrazione in tempo reale per migliorare i risultati delle ricerche su internet o sviluppare progetti innovativi. Per esempio, sarà più semplice capire quando una persona cerca la parola "batteria" se intende uno strumento musicale o altro.

Da oggi tutte le informazioni che gli utenti rilasceranno nei diversi servizi forniti da Mountain View, a Gmail, a Google Maps, a Youtube, saranno combinate tutte insieme per far vivere all’utente una singola esperienza attraverso le diverse piattaforme e con l’obiettivo, per l’azienda, di consolidare in una norma tutte quelle di oltre 60 servizi specifici.

Se si ha un account e si è loggiati nei diversi servizi Google, da oggi i risultati delle ricerche saranno sempre più personalizzati, perché Google riuscirà a ‘coordinare’ tutto ciò che abbiamo fatto e detto su Youtube o Gmail, per esempio.

Leggi tutto: Privacy Google 2012: nuove regole da...

Un giro di prova su Windows 8

(0 - voto utenti)

Il nuovo Os è un salto generazionale per Microsoft, tra miglioramenti al codice, l'introduzione di una nuova interfaccia grafica e l'estensione dell'ambiente operativo alle piattaforme mobili. Ma la vecchia scrivania rimane, anche se in un ruolo secondario, e arriva il negozio di applicazioni. Un attacco a tutto tondo e ben riuscito ad un mercato in fermento

UNA SENSAZIONE nuova la dà subito Windows 8, l'ultima versione di quello che è il sistema operativo per computer più diffuso nel mondo. Quella di un mondo nuovo sovrapposto a uno esistito e conosciuto. Un ambiente dal passato importante, che però doveva trasformarsi per non sparire. Microsoft da sempre spacca l'opinione tra sostenitori e utenti soddisfatti e detrattori con motivazioni più o meno fondate. Ma nel caso di Windows 8 Consumer Preview, l'anteprima scaricabile (1 milione di download in 24 ore) del nuovo Os che uscirà in autunno, è lampante da subito come a Redmond abbiano messo tutto in discussione e abbiano osato parecchio. Spingendosi dove al momento né Apple né Google sono arrivati, ovvero all'integrazione completa dell'ambiente operativo tra il classico computer e le nuove generazioni di dispositivi connessi come smartphone, tablet e phablet. Senza però abbandonare il caro vecchio desktop, piuttosto relegandolo al ruolo di componente, per quanto importante, del nuovo sistema operativo.

 

 

Cosa cambia. Windows 8 mantiene ovviamente la compatibilità completa con tutto il software per Windows, la migrazione di dati e applicazioni per chi deciderà di adottare il nuovo sistema operativo sarà quindi operazione semplice. I cambiamenti però non mancano e sono parecchi, concentrati soprattutto sotto al "cofano motore" del sistema, e ovviamente nell'estetica e nel nuovo modo di usare il computer che questi cambiamenti comportano. Microsoft ha lavorato pesantemente sul codice di Windows, e definisce questa nuova versione un "salto generazionale". Con l'ottimizzazione del codice, Windows 8 è diventato un sistema operativo più leggero, con meno processi da gestire, in generale più snello e dicono a Redmond, più parco nei consumi di batterie. Queste dichiarazioni e la reale performance dell'Os andranno valutate rispettivamente quando saranno disponibili le versioni mobile per processori Arm (al momento c'è solo quella per Pc x86/64), e dopo almeno un mese di uso costante, per capire quanto l'ottimizzazione del codice influisca sulle prestazioni reali, dopo l'esposizione di Windows 8 alle "intemperie" del quotidiano, tra installazioni, aggiornamenti, accumuli di dati, spurie, codici e informazioni. Ed è tutto da vedere come il sistema si sia evoluto sotto il fronte della sicurezza, la protezione antivirus di Security Essentials è comunque gratuita e assicurata. Sul fronte hardware, le richieste Ram per installare il sistema sono modeste: 1 giga di Ram per la versione 32 bit, più esose quelle fisiche, 20 giga di spazio per l'installazione fisica a 64 bit, 16 per la 32.

Al momento, l'unica chiave per interpretare Windows 8 è la trasversalità: il nuovo Os offre la stessa esperienza d'uso sui Pc tradizionali e sui tablet, di fatto unendo gli ambienti di lavoro in un flusso sincronizzato che consente all'utente di muoversi in un ambiente unico e usare le stesse applicazioni, indipendentemente da quale dispositivo abbia di fronte. Significativo è che l'accesso al sistema sia possibile anche tramite autenticazione con l'account Msn, operazione che porta nel sistema tutti i contatti, gli impegni di calendario e la posta dell'utente. Significa anche addio ai vari Live Messenger e Mail, riuniti in una sola app di messaggistica.
Una rivoluzione che forse, portando il marchio "istituzionale" di Microsoft, farà meno scalpore di quanto ne avrebbe fatta se introdotta da brand più di tendenza. E che però esiste ed è reale, e pare funzionare molto bene, nonostante le imperferzioni della "Consumer preview", ancora una versione provvisoria.

Leggi tutto: Un giro di prova su Windows 8




Copyright ® 2021 - Glesius Project S.r.l. - All right reserved.